Blog

Non ci resta che piangere: Recensione e Trailer

Posted by:

Non ci resta che piangere: Recensione e Trailer


Non ci resta che piangere è un film scritto, diretto e interpretato da Roberto Benigni e Massimo Troisi. Il film, l’unico realizzato in coppia dai due autori, ebbe un enorme successo al botteghino ed ha realizzato il maggior incasso dell’anno 1984 – 1985, pari a 15 miliardi di lire. Nel 2002 è uscita un’edizione in DVD con un contenuto extra inaspettato: una nuova versione del finale del film della durata di 39 minuti anziché dei 21 minuti noti.

Campagna toscana, estate 1984. Il bidello Mario (Massimo Troisi) e l’insegnante Saverio (Roberto Benigni) sono fermi ad un passaggio a livello, in attesa che il treno passi. I due sono amici e si confidano a vicenda. Saverio tra l’altro è preoccupato per sua sorella Gabriella. L’attesa si protrae e decidono di percorrere una stradina tra i campi. Dopo un po’ restano in panne con l’auto in mezzo alla campagna. Si fa sera, piove. I due passano la notte in una locanda. Trovano posto in una stanza che ospita già un’altra persona. La mattina dopo li attende una sorpresa: appena svegli vedono l’uomo con cui avevano diviso la camera che fa la pipì dalla finestra del primo piano. Le risate vengono subito troncate dal sibilo di una lancia che uccide l’uomo che stava urinando. Mario e Saverio si precipitano al piano terra e trovano altre persone, vestite in modo molto strano. Increduli, scoprono di trovarsi nel passato (“nel 1400 quasi 1500″) che poi scoprono essere il 1492, nei pressi di un paesino toscano chiamato Frittole. Nonostante alcuni tentativi razionali di tornare ai tempi moderni soltanto con la forza del pensiero, si rassegnano giocoforza ad ambientarsi, e trovano ospitalità da Vitellozzo (Carlo Monni), il fratello dell’uomo ucciso. Saverio sembra subito a suo agio, mentre Mario non vuole saperne di ambientarsi e vuole tornare nel proprio secolo. Vitellozzo viene messo in prigione e i due decidono di aiutarne la madre (Parisina): lavorano nella macelleria di famiglia e cercano di liberare Vitellozzo scrivendo una lettera a Savonarola. Mario intanto conosce e conquista il cuore di Pia , la ragazza più ricca del paese. Saverio non nasconde una certa gelosia: la stessa Parisina non ha attenzioni che per il suo amico. Intanto, il suo ardore politico-intellettuale lo spinge a mettersi in viaggio per la Spagna, a Palos al fine di fermare il viaggio di Cristoforo Colombo verso la scoperta dell’America, e coinvolge Mario nell’impresa. A un certo punto durante il viaggio incontrano una bella amazzone, Astriaha, che colpisce il loro carro con una freccia, e che il giorno dopo li insegue.

Trailer Film




Articoli Correlati:

    rain-man
    RainMan – L’Uomo della Pioggia: Recensione e Trailer

    Rain Man – L’uomo della pioggia è un film del 1988, diretto da Barry Levinson ed interpretato da Tom Cruise e Dustin Hoffman. Il film si è…

    Pubblicato il: 1 marzo 2011
    Commenti: 0


    immaturi
    Immaturi: Recensione e Trailer

    Immaturi è un film del 2011 diretto da Paolo Genovese. Sei vecchi compagni di liceo si rincontrano dopo vent’anni in seguito al ricevimento di una…

    Pubblicato il: 17 febbraio 2011
    Commenti: 0


    l'attimo fuggente
    L’Attimo Fuggente: Recensione e Trailer

    « Cogli l’attimo, cogli la rosa quand’è il momento, perché, strano a dirsi, ognuno di noi in questa stanza un giorno smetterà di respirare,…

    Pubblicato il: 11 febbraio 2011
    Commenti: 0


    ben-hur
    Ben-Hur 1959: Recensione e Trailer

    « Proprio al momento in cui moriva, l’ho udito dire: “Padre, perdona loro, perché non sanno quel che fanno.” […] E a quella voce, ho sentito…

    Pubblicato il: 8 febbraio 2011
    Commenti: 0


    amarcord
    Amarcord: Recensione e Trailer

    Amarcord è un film del 1973, tra i più famosi di Federico Fellini, certamente il più autobiografico. La notorietà di questo film è tale che lo…

    Pubblicato il: 8 febbraio 2011
    Commenti: 0


0

Ci serve una tua Opinione, Commenta!